Trama della prostata ipoecogena

PSA - Antigene Prostatico Specifico

Trattamento della prostatite negli uomini anziani

L'ecografia epatica e' l'esame principe nella diagnostica addominale. Numerose patologie epatiche, chirurgiche e mediche, possono dare segni ecografici, spesso patognomonici assolutamente specifici della malattia come nel caso dell'ostruzione delle vie biliari, altre volte aspecifici, quindi da utilizzare in associazione al dato clinico-sintomatologico.

Ad esempio, le malattie infettive del fegato possono dare un aspetto del parenchima epatico definito a "cielo stellato", dovuto ad una diffusa ipoecogenicità all'interno della quale spiccano i dotti biliari iperecogeni. Diverse patologie diffuse epatiche possono essere identificate ecograficamente grazie a due pattern ecografici strutturali principali punto 1 e 2ai quali se ne associano altri due derivati dai trama della prostata ipoecogena punto 3 e 4 :.

Mentre l'ecografia riesce a diagnosticare con precisione la presenza di steatosi e fibrosi epatica pur sempre con dubbi interpretativi in caso di coesistenza delle due entità patologicheoccorre tenere a mente che, in linea generale, trama della prostata ipoecogena esiste un quadro ecografico caratteristico per le alterazioni di natura flogistica o necrotica a carico del fegato.

In corso di epatite clinicamente evidenziabile, l'ecografia rappresenta l'indagine principe nello stabilire l'origine dell'ittero, ostruttiva o epatocellulare.

Non è possibile evidenziare, generalmente, alterazioni delle dimensioni del fegato, dei margini o dell'ecostruttura, tranne che nelle forme severe in cui il parenchima risulta diffusamente ipoecogeno con risalto dei vasi portali, il c. In verità, studi successivi hanno chiaramente dimostrato che questo pattern è del tutto aspecifico ed osservabile in pazienti senza alcun danno epatico, soprattutto nei giovani 2.

Un particolare pattern definito "pseudoparallel chanel sign", causato dalla dilatazione dei piccoli rami dell'arteria epatica e dai contigui rami portali, è stato messo in evidenza dell'epatite acuta ad etiologia etilica. La diagnosi differenziale è posta con i linfonodi metastatici in HCC ed i tumori delle vie biliari.

La cirrosi rappresenta il fattore di rischio maggiore per lo sviluppo dell'epatocarcinoma HCC. Il diametro della vena porta, comunque, assume importanza nella diagnosi di ipertensione portale segno suggestivo. La perdita della fisiologica trifasicità delle vene sovraepatiche che presenteranno un profilo piatto il reperto non è patognomonico potendo riscontrarsi anche in corso di epatosteatosi importante e di epatopatia cronica.

In fase inspiratoria la porta aumenta di calibro, mentre in fase espiratoria si riduce. Nella cirrosi conclamata il fegato non si presenta aumentato di volume né brillante, ma marcatamente disomogeneo, mentre la riduzione volumetrica è un evento terminale.

La cirrosi avanzata micro e macronodulare è documentabile indagando la superficie dell'organo con sonde da 7. Il profilo presenterà delle piccole bozzature che, se misurate, potranno orientare sui due tipi di cirrosi.

Il limite è rappresentato da 3mm di diametro dell'eminodularità al bordo epatico per discriminare i micronoduli dai macronoduli delle rispettive cirrosi.

Tuttavia, occorre tenere a mente che i noduli di rigenerazione alla superficie non sono sempre visibili, per cui fidarsi della sola ecografia per escludere una causa epatica di una ascite non è consigliabile! La steatosi epatica è l'epatopatia diffusa più frequente. E' ben identificabile con l'ecografia che mostra un pattern caratteristico chiamato brigth liver pattern dovuto alle gocce lipidiche capaci di riflettere gli echi.

Esistono, pertanto, gradi progressivi in base all'interessamento più o meno marcato, da un quadro lieve con tessuto epatico iperecogeno rispetto al rene destro, fino ad arrivare ad un pattern iperecogeno diffuso che non consente di visualizzare le strutture profonde come l'ilo epatico, il rene destro e il diaframma.

La presenza di aree a ridotta ecogenicità nel contesto del brigth liver pattern, ad esempio, ha condotto a pensare alle cosiddette aree risparmiate dalla steatosi. In verità, studi istologici hanno dimostrato che si tratta comunque di aree trama della prostata ipoecogena da steatosi che, all'ecografia, apparirebbero come aree ipoecogene per la presenza di gocce lipidiche di maggiori dimensioni.

In effetti, l'ecogenicità dipende dal trama della prostata ipoecogena di interfacce presenti nel tessuto: in corso di steatosi con numerose microgocce lipidiche, l'immagine ecografica resa sarà iperecogena, rispetto all'immagine della steatosi con gocce lipidiche più grandi e un minor numero di interfacce immagine ipoecogena.

Le cause più comuni: diabete causa principaleobesità, alcolismo, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, squilibri alimentari. Ecograficamente si evidenzia un incremento della normale ecogenicità del parenchima epatico con aspetto "brillante".

Si distinguono 3 gradi di steatosi in ordine di gravità:. Il resto del parenchima risulta mal visualizzabile comprese le strutture vasali e la linea iperecogena diaframmatica.

Steatosi epatica. Evidente la differenza eccessiva tra parenchima epatico e corticale renale. Notare la differenza con l'immagine precedente.

In questo caso l'ecogenicità della corticale renale destra è simile a quella epatica. Possibili errori di stima si trama della prostata ipoecogena avere per la diversa distribuzione del parenchima epatico nei soggetti obesi e nei longilinei eccessivamente magri.

Il IV e V segmento e intorno alla colecisti sono le sedi caratteristiche di steatosi focale. La forma di più frequente riscontro è quella ipoecogenarilevabile nell'ambito di un brigth liver pattern. Gli aspetti ecografici principali che consentono di diagnosticare una steatosi focale nel contesto di un brigth liver pattern sono la sede della localizzazione come già detto, tipico il IV-V segmento e l'area pericolecisticale caratteristiche dei margini che sono irregolari, l'assenza di effetto trama della prostata ipoecogena e la presenza di vasi che decorrono indisturbati all'interno o nelle adiacenze dell'area interessata.

Ovviamente, una lesione focale in una sede "non tipica", in un paziente portatore di cirrosi o neoplasie, deve far sospettare un epatocarcinoma o una metastasi, fino a prova contraria. Possibile anche una metastasi con steatosi focale intorno per alterazione del flusso ematico.

Esiste la possibilità che l'area di steatosi focale si presenti come area di forma ovale o rotondeggiante, ipoecogena simulante area di lesione di tipo etp. Un soggetto asintomatico, non affetto da epatite, con anamnesi negativa per tumori, con importante epatosteatosi grado 2 o 3che presenti una o due aree ipoecogene rotondeggianti od ovalari, con molta probabilità ha una steatosi focale o degli angiomi ipoecogeni.

Aspetti anomali: forma frastagliata, irregolare, con margini indefiniti, o addirittura degli pseudoaloni perilesionali tali da simulare lesioni a 'bersaglio'. Aspetti "sicuri": forme geometriche più bizzarre triangolari, romboidali, a carta geografica. Focal fatty liver with multiple hyperechoic lesions that could mimic hemangiomas or metastases.

Focal sparing mimicking hypoechoic masses. In un soggetto con cardiopatia congestizia l'ecostruttura epatica appare addensata, compatta c. Le cisti epatiche possono essere congenite o acquisite.

Le congenite sono le cisti benigne solitarie, la malattia di Caroli e il fegato policistico. Le acquisite vengono distinte in cisti "parassitarie" e "non parassitarie".

Tra queste ultime rientrano anche le cisti congenite. Tra le cisti acquisite si riconoscono le cisti: parassitarie, traumatiche e le neoplastiche primitive e secondarie. La diagnosi differenziale è posta con i linfomi trama della prostata ipoecogena che appaiono ipo- trama della prostata ipoecogena, ma con pattern vascolarizzato.

Le cisti semplici del fegato sono spesso asintomatiche, costituite da cavità a contenuto liquido tappezzate da epitelio biliare, che non comunicano con l'albero biliare. All'ecografia appaiono come lesioni anecogene, rotondeggianti, a contorni ben definiti, con rinforzo di parete posteriore e ombre acustiche laterali. Al color Doppler le trama della prostata ipoecogena non sono vascolarizzate, i vasi nelle loro vicinanze sono dislocati.

Possono andare incontro a complicazioni come l'emorragia e l'infezione. In questo caso si assiste alla presenza di materiale stratificato declive, che si modifica con il decubito.

La diagnosi differenziale si pone con le metastasi da adenocarcinoma ovarico, mammario, pancreas e con il cistoadenoma biliare sepimentazioni interne spesse, irregolarità dei margini o noduli parietali. Le cisti idatidee addominali sono classificate in 3 gruppi dalla WHO :. GRUPPO 3 cisti che non contengono protoscolici vitali, con segni di involuzione: solidificazione e calcificazione.

Gli ascessi si distinguono in batterici, parassitari trama della prostata ipoecogena micotici quest'ultimo caso appannaggio dei pazienti immunodepressi. Gli ascessi sono identificabili in una fase evolutiva intermedia come aree anecogene a contorni sfumati. I tumori benigni possono trama della prostata ipoecogena dalla linea epatocellulare, dalla linea colangiocellulare o dalla linea cellulare mesenchimale. Sono l'adenoma epatocellulare, l'iperplasia nodulare focale e l'angioma.

All'ecografia appare come una massa rotondeggiante ben trama della prostata ipoecogena, iperecogena, ma anche ipo- o isoecogena. In sede perilesionale si apprezzano flussi di tipo arterioso elevati PSV e venoso.

Trama della prostata ipoecogena livello intralesionale si apprezza un flusso di tipo continuo, raramente trifasico, elemento discriminante rispetto alla iperplasia nodulare focale.

Rappresenta il tumore benigno del fegato più frequente dopo l'angioma, al quale risulta spesso associato. L'iperplasia nodulare focale mostra all'ecografia un aspetto del tutto aspecifico e variabile. Si presenta come lesione di dimensioni spesso inferiori ai 5 trama della prostata ipoecogena, a margini netti, isoecogena, ma talora ipo- o iperecogena. I limiti della lesione con il parenchima epatico trama della prostata ipoecogena sono spesso indistinti.

La cicatrice centrale è evidenziabile sottoforma di banda iperecogena, visibile nelle lesioni di maggiori dimensioni. Lo studio CFM e PDI mostra una ricca vascolarizzazione perilesionale, spesso è possibile evidenziare una arteria intralesionale da cui originano rami centrifughi che conferiscono alla lesione l'aspetto a "ruota di carro", segno discriminante rispetto ad altre lesioni. Lo studio con CEUS rappresenta un ottimo presidio diagnostico in presenza di sospetto di iperplasia focale nodulare.

In caso di dubbio all'indagine CEUS, la diagnostica maggiormente performante è la RM con mezzo di contrasto epatospecifico. Focal nodular hyperplasia with a well defined slightly hypoechoic mass with typical radial vascularity. L'angioma epatico rappresenta la lesione epatica benigna più frequente.

Gli angiomi sono di preferenza localizzati a sede perivasale, ma possono incontrarsi anche lontano dai vasi. In corso di terapia estro-progestinica possono trama della prostata ipoecogena, mentre da iperecogeni possono diventare ipoecogeni per aumento dell'ecogenicità del restante parenchima steatosi.

Attenzione agli angiomi che possono nascondere una metastasi al loro interno area ipoecogena. Forma : rotondeggiante od ovalare, ma a volte forme più bizzarre a cuore, romboidali etc. Localizzazione: a sede perivasale, ma anche lontano dai vasi. In una discreta percentuale di casi gli angiomi possono essere ipoecogeni, indistinguibili da lesioni solide di natura ETP primitiva o secondaria. L'angioma atipico si presenta in genere di dimensioni maggiorni a 5 cm, ad ecostruttura disomogena, ipo-isoecogena, talvolta con lacune anecogene e calcificazioni.

Il flusso perilesionale arterioso si presenta con una PSV bassa e un RI ridotto, elementi utili per la diagnosi differenziale con le altre lesioni. I tumori epatici trama della prostata ipoecogena possono essere primitivi o secondari. Nei pazienti cirrotici qualsiasi nodulo riscontrato in corso di indagine ecografica deve essere considerato maligno fino a prova contraria.

Vista la estrema complessità delle varie patologie nodulari in un fegato cirrotico è utile avere una classificazione univoca che ci consenta anche di seguire l'evoluzione dal trama della prostata ipoecogena di rigenerazione al nodulo displastico fino al nodulo di epatocarcinoma. L'angiogenesi è un fattore fondamentale nelle fasi di evoluzione maligna del nodulo epatico, la carcinogenesi comporta una riduzione delle vie portali ed un aumento della neovascolarizzazione.

L'ipervascolarizzazione di un nodulo epatico è considerata un marcatore di epatocarcinoma HCCl'ecocontrastografia è l'indagine principe nel definire la natura dei noduli epatici in quanto consente di evidenziare la captazione del mezzo di contrasto da parte del nodulo raffrontata con il resto del parenchima epatico, durante le fasi arteriosa, portale e venosa.

Potremo avere pattern vascolari tipici per ogni tipologia di nodulo epatico:. Lo studio colorDoppler Duplex mostra vascolarizzazione centrale e periferica con elevate velocità di picco sistolico e ampia componente diastolica all'analisi spettrale, espressione di shunt artero-portali, tipici trama della prostata ipoecogena.

Il limite all'utilizzo della metodica duplex è rappresentato dai tumori di dimensioni inferiori ai 2 cm che si trovano in profondità, laddove risulta difficile campionare i vasi intra trama della prostata ipoecogena perilesionali. L'HCC, inizialmente ipoecogeno, tende a diventare isoecogeno e iperecogeno trama della prostata ipoecogena l'aumentare delle sue dimensioni, disomogeneo per la presenza trama della prostata ipoecogena aree ipo-iperecogene all'interno, a margini irregolari e mal definiti rispetto al parenchima circostante.

A similitudine dell'HCC di piccole dimensioni, lo studio colorDoppler trama della prostata ipoecogena Doppler pulsato Duplex mostra una vascolarizzazione centrale e periferica a "canestro" tipo basketanarchica, ad elevata velocità di picco sistolico e flusso continuo di tipo venoso all'analisi spettrale. Le metastasi epatiche sono ripetizioni di neoplasie che hanno origine da altri organi.

Gli aspetti ecografici suggestivi sono rappresentati da:. In generale, le metastasi possono essere uniche o multiple, tondeggianti, a margini netti, determinanti effetto massa per compressione o per infiltrazione delle strutture adiacenti. Possono essere trama della prostata ipoecogenaisoecogene riconoscibili spesso per l'alone ipoecogeno perifericoiperecogene o a bersaglio iperecogene con alone ipoecogeno.