Infezioni batteriche della prostata

Vaginosi Batterica

Quanto rapidamente aumentata quando il cancro alla prostata PSA

Introduzione a infezioni delle vie urinarie IVU. Le infezioni delle vie urinarie batteriche possono interessare l'uretra, la prostata, la vescica o i reni. I sintomi possono essere assenti o comprendere frequenza minzionale, urgenza, disuria, dolori al basso ventre e dolore al fianco. In caso di infezione renale possono essere presenti sintomi sistemici e perfino sepsi.

La diagnosi si basa sull'analisi delle urine e sull'urinocoltura. La terapia si basa sul trattamento antibiotico e la rimozione delle ostruzioni del tratto urinario e dei cateteri. Tra gli adulti di età compresa tra i 20 e i 50 anni, le infezioni delle vie urinarie sono circa 50 volte infezioni batteriche della prostata frequenti nelle donne.

Nelle donne in questa fascia di età, la maggior parte delle infezioni delle vie urinarie sono cistiti o pielonefriti. Infezioni batteriche della prostata uomini della stessa età, la maggior parte delle infezioni delle vie urinarie sono uretriti o prostatiti.

Le vie urinarie, dai reni al meato uretrale, sono normalmente sterili e resistenti alla colonizzazione batterica, nonostante la frequente contaminazione dell'uretra distale da parte dei batteri del tratto intestinale. La difesa principale contro le infezioni urinarie è il completo svuotamento della vescica durante la minzione.

Altri meccanismi che garantiscono la sterilità comprendono l'acidità delle urine, la valvola vescico-ureterale, e le diverse infezioni batteriche della prostata immunologiche e mucose. Il resto delle infezioni delle vie urinarie è di origine ematogena. Le infezioni delle vie urinarie possono provocare infezioni sistemiche, in particolare negli anziani.

Si definisce solitamente come infezione urinaria non complicatala cistite o pielonefrite che si verifica nelle donne adulte in premenopausa senza alcuna anomalia infezioni batteriche della prostata o funzionale del infezioni batteriche della prostata urinario, non gravide e senza comorbilità significative che possano determinare risultati più gravi. Inoltre, alcuni esperti ritengono che le infezioni delle vie urinarie siano da considerarsi non complicate, anche infezioni batteriche della prostata caso di donne in post-menopausa o nei pazienti con diabete ben controllato.

Negli uomini, la maggior parte delle infezioni delle vie urinarie si verifica in età pediatrica o negli anziani, è dovuta ad anomalie anatomiche o conseguenti a strumentazioni, ed è considerata complicata. Le rare infezioni delle vie urinarie che si verificano negli uomini tra i 15 e i 50 anni si presentano in uomini che hanno rapporti infezioni batteriche della prostata non protetti o in coloro che non hanno un pene circonciso, e sono generalmente considerate non complicate.

Le infezioni delle vie urinarie negli uomini di questa età che non hanno rapporti anali non protetti o con pene infezioni batteriche della prostata circonciso sono molto rare e, sebbene siano considerate non complicate, necessitano di una valutazione per escludere anomalie urologiche. Le infezioni urinarie complicate possono coinvolgere entrambi infezioni batteriche della prostata sessi, a qualsiasi età.

Generalmente si considera che le pielonefriti o le cistiti che non soddisfano i criteri debbano essere considerate non complicate. Un'infezione delle vie urinarie è considerata complicata se il paziente è un bambino, è una donna incinta, o ha una delle seguenti:.

Un'anomalia strutturale o funzionale del tratto urinario e un'ostruzione al flusso urinario. Una comorbilità che aumenta il rischio di contrarre l'infezione o di resistere al trattamento, quali diabete scarsamente controllato, malattia renale cronica, o immunocompromissione. I fattori di rischio per lo sviluppo di infezioni delle vie urinarie nelle donne sono i seguenti:.

Anche l'uso di profilattici che sono rivestiti di spermicida aumenta infezioni batteriche della prostata rischio di infezione delle vie urinarie nelle donne. Il rischio elevato di infezione delle vie urinarie nelle donne che usano antibiotici o spermicidi è probabilmente dovuto ad alterazioni della flora vaginale che permettono una crescita eccessiva di Escherichia coli.

Altro fattore di rischio nelle donne anziane è la contaminazione del perineo legata ad un'incontinenza fecale. Anormalità anatomiche, strutturali e funzionali sono fattori di rischio per infezione urinaria. Il reflusso vescico-ureterale è di solito dovuto a un difetto congenito che causa incompetenza della valvola vescico-ureterale. Altre anomalie anatomiche che predispongono alle infezioni delle vie urinarie comprendono le valvole uretrali anomalia congenita ostruttivala ritardata maturazione del collo vescicale, i diverticoli vescicali e le duplicazioni uretrali.

Le anomalie strutturali e funzionali del tratto urinario che predispongono alle infezioni delle vie urinarie sono di solito legate ad un'ostruzione del flusso urinario e ad un inadeguato svuotamento vescicale. Le infezioni delle vie urinarie causate da fattori congeniti si manifestano più comunemente durante l'infanzia. La maggior parte degli altri fattori di rischio è più frequente negli anziani. Altri fattori di rischio per infezione delle vie urinarie comprendono le strumentazioni p.

Altri Gram-negativi patogeni urinari sono in genere gli enterobatteri, tipicamente Klebsiella o Proteus mirabilise occasionalmente Pseudomonas aeruginosa. Vengono isolati meno comunemente batteri gram-positivi quali Enterococcus faecalis streptococchi di gruppo D infezioni batteriche della prostata Streptococcus agalactiae streptococchi di Gruppo Bche possono essere contaminanti, in particolare se sono stati isolati da pazienti con cistite non complicata.

Infezioni batteriche della prostata pazienti ospedalizzati, l' E. Infezione dell'uretra causata da batteri o protozoi, virus o funghi che si verifica quando i microrganismi che la raggiungono colonizzano in maniera acuta o cronica le numerose ghiandole periuretrali presenti nell'uretra bulbare infezioni batteriche della prostata in quella peniena nel maschio e nell'intera uretra nella donna.

Gli agenti patogeni infezioni batteriche della prostata trasmissione sessuale Chlamydia trachomatis Infezioni delle mucose da clamidia, micoplasma e ureaplasmaNeisseria gonorrhoeae GonorreaTrichomonas vaginalis Trichomoniasi ed herpes simplex virus sono le cause più frequenti in entrambi i sessi. La cistite è un'infezione della vescica. È comune nelle donne, in cui la cistite non complicata è generalmente preceduta da un rapporto sessuale cistite da luna di miele. Negli uomini l'infezione batterica della vescica è di solito complicata e solitamente dovuta a un'infezione ascendente dall'uretra o dalla prostata o secondaria a una manovra strumentale uretrale.

La più frequente causa di infezioni batteriche della prostata ricorrente negli uomini è la prostatite batterica cronica. La sindrome uretrale acuta, che si verifica nelle donne, è una sindrome che implica disuria, frequenza e piuria sindrome disuria-piuria e pertanto somiglia alla cistite.

L'uretrite è una possibile causa perché gli organismi che la causano e infezioni batteriche della prostata comprendono Chlamydia trachomatis e Ureaplasma urealyticum non vengono rilevati nelle colture urinarie di routine.

Sono state proposte cause non infettive, ma non ci sono attualmente elementi conclusivi che ne supportino l'evidenza, inoltre le cause non infettive generalmente presentano una modesta o un'assenza di piuria. Le possibili cause non infettive comprendono anomalie anatomiche p.

La batteriuria asintomatica è l'assenza di segni o sintomi di infezione delle vie urinarie in un paziente la cui coltura delle urine soddisfa i criteri per infezione delle vie urinarie.

Poiché è asintomatica, tale batteriuria si trova principalmente quando si esegue uno screening in pazienti ad alto rischio o quando la coltura delle urine è fatta per altri motivi. Lo screening per la batteriuria asintomatica è indicato nei soggetti a rischio di complicanze se la batteriuria non viene trattata. Tali pazienti comprendono. Le donne in gravidanza in gestazione da 12 a 16 settimane o alla prima visita prenatale, se successiva a causa del rischio di infezione delle vie urinaria sintomatica, tra cui la pielonefrite, durante la gravidanza ; e a causa di risultati negativi di gravidanza, tra cui neonato con basso peso alla nascita e parto prematuro Vedi il US Preventive Services Task Force Reaffirmation Recommendation Statement.

Pazienti che hanno avuto un trapianto di rene nei 6 mesi precedenti. Prima di alcune procedure invasive sul tratto urogenitale che possono causare sanguinamento delle mucose p. Alcuni pazienti p. Tuttavia, tali pazienti non devono essere sottoposti a screening perché sono a basso rischio di infezioni urinarie complicate da batteriuria e pertanto infezioni batteriche della prostata richiedono trattamento.

Inoltre, nei pazienti con cateteri a permanenza, il trattamento spesso non riesce ad eliminare la batteriuria e porta solo allo sviluppo di organismi altamente resistenti agli antibiotici. La pielonefrite è un'infezione batterica del parenchima renale. Il termine non deve essere usato per descrivere una nefropatia tubulo-interstiziale se non è documentata un'infezione.

La pielonefrite è poco frequente negli uomini con vie urinarie normali. Sebbene l'ostruzione p. Negli uomini, la pielonefrite è sempre causata da qualche difetto funzionale o anatomico.

Solo la cistite o i difetti anatomici possono provocare il reflusso. Il rischio di ascensione batterica è molto infezioni batteriche della prostata quando la peristalsi ureterale è inibita p.

La pielonefrite è frequente nelle ragazze giovani infezioni batteriche della prostata nelle donne gravide dopo cateterismo vescicale. La pielonefrite non causata da un'infezione ascendente batterica è dovuta ad una diffusione ematogena, che è particolarmente caratteristica di organismi virulenti come S. Il infezioni batteriche della prostata affetto di solito è aumentato di volume per la presenza di polimorfonucleati ed edema infiammatorio.

L'infezione è focale e a chiazze, inizia nella pelvi e nella midollare e si estende alla corticale come un cuneo che si allarga progressivamente. Le cellule che mediano la flogosi cronica compaiono entro pochi giorni e si possono sviluppare ascessi midollari e subcorticali. È frequente la presenza di tessuto parenchimale normale tra i foci di infezione.

Sebbene nei bambini la pielonefrite acuta sia frequentemente associata a esiti cicatriziali renali, negli adulti tali cicatrici non sono evidenziabili in assenza di reflusso o di ostruzione.

I pazienti anziani e i pazienti con vescica neurogena o con catetere a permanenza, infezioni batteriche della prostata presentare sepsi e delirium, anche in assenza di sintomi infezioni batteriche della prostata alle vie urinarie. Quando i sintomi sono presenti, infezioni batteriche della prostata possono non essere correlati con la infezioni batteriche della prostata dell'infezione nelle vie urinarie perché c'è una considerevole sovrapposizione; tuttavia, alcune generalizzazioni sono utili.

Nelle uretritiil sintomo principale è la disuria infezioni batteriche della prostata, soprattutto negli uomini, la secrezione uretrale. Le caratteristiche della secrezione, come per esempio la quantità di essudato purulento, non sono in grado di differenziare in modo affidabile le uretriti gonococciche da quelle non infezioni batteriche della prostata. L'esordio della cistite è di solito improvviso, tipicamente con frequenza, urgenza, bruciore o minzione dolorosa di piccoli volumi di urina.

La nicturia, con dolore sovrapubico e spesso dolore lombare, è frequente. Nella pielonefrite acutai sintomi possono essere gli stessi di quelli della cistite. Un terzo dei pazienti ha frequenza e disuria. Tuttavia, nella pielonefrite, sono sintomi caratteristici i brividi, la febbre, il dolore al fianco, il dolore addominale tipo colica, la nausea e il vomito. Alla percussione è generalmente riscontrabile una dolorabilità a livello dell'angolo costovertebrale dal lato infetto.

Nell' infezione del tratto urinario nei bambinii sintomi sono spesso scarsi e meno caratteristici. La diagnosi colturale non è sempre necessaria. Se viene eseguita, la diagnosi colturale richiede la dimostrazione di una batteriuria significativa in un campione di urine raccolto in modo appropriato.

Qualora si sospetti una malattia a trasmissione sessuale, si esegue un tampone uretrale prima della minzione. La raccolta delle urine si esegue mediante sistema clean-catch o cateterismo. Per ottenere un campione clean-catch, del mitto intermedio, si lava il meato uretrale con infezioni batteriche della prostata disinfettante leggero senza schiuma e si asciuga all'aria.

Il contatto del getto urinario con la mucosa deve essere ridotto al minimo separando le grandi labbra nelle donne e tirando indietro il prepuzio negli uomini non circoncisi.

I primi 5 mL di urina vengono gettati; i successivi mL sono raccolti in un contenitore sterile. Nelle donne anziane che tipicamente hanno difficoltà a ottenere un campione clean-catch e nelle donne con sanguinamento o secrezioni vaginali è preferibile un campione prelevato con cateterismo.

Molti clinici utilizzano un campione raccolto mediante cateterismo se la valutazione comprende un esame pelvico. La diagnosi in pazienti con cateteri a permanenza è trattata altrove Infezioni delle vie urinarie associate al cateterismo CAUTI : Diagnosi.

I test, particolarmente le colture, devono essere eseguiti entro 2 h dalla raccolta dei campioni; in caso contrario, il campione deve essere refrigerato.

L' esame microscopico delle urine è utile, ma non decisivo. La presenza di batteri in assenza di piuria, specialmente quando si rilevano numerosi ceppi, è solitamente dovuta a contaminazione durante il campionamento.

I cilindri di GB, che possono richiedere colorazioni speciali per essere differenziati dai cilindri tubulari renali, indicano infezioni batteriche della prostata una reazione infiammatoria; possono essere presenti nella pielonefrite, nella glomerulonefrite e nella nefrite tubulo-interstiziale non infettiva. Piuria in assenza di batteriuria e di infezione urinaria è possibile, per infezioni batteriche della prostata, se i pazienti hanno una nefrolitiasiun tumore uroepiteliale, un' appendiciteo una malattia infiammatoria intestinale o se il campione è contaminato da globuli bianchi vaginali.

Le donne che hanno disuria e piuria, ma senza batteriuria significativa hanno una sindrome uretrale o una sindrome disuria-piuria.