Cambiamenti fibro-calcifiche della prostata

Tumore della Prostata

Mal di schiena nel cancro alla prostata

Ti informiamo che il nostro sito utilizza i cookies che servono a migliorare i servizi da noi offerti e a cambiamenti fibro-calcifiche della prostata l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web www.

Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione.

È causata dal Mycobacterium tuberculosis MTun batterio in grado di produrre un ampio spettro di manifestazioni cliniche potenzialmente a carico di ogni organo, ma che più frequentemente interessa il polmone con la formazione dei caratteristici granulomi. Si stima inoltre che almeno un terzo della popolazione mondiale sia stata infettata da MT. Tale andamento è cambiamenti fibro-calcifiche della prostata sostanzialmente costante fino al 3.

Osservando la distribuzione dei casi per età, cambiamenti fibro-calcifiche della prostata nota un andamento bimodale con un picco nella fascia anni tra i non nati in Italia e un picco nella fascia anni tra gli autoctoni.

Il bacillo ha una crescita molto lenta, con una velocità di replicazione prossima alle 24 ore, e cresce solo su terreni arricchiti. La trasmissione del M. In casi eccezionali sono state descritte infezioni per via cutanea da impianto diretto5.

La contagiosità si riduce notevolmente se la positività è relativa al solo esame colturale con un batterioscopico negativo ed è nulla in presenza di coltura negativa.

I fattori endogeni, invece, ovvero la suscettibilità individuale alla malattia e la funzione immunitaria cellulo-mediata, sono determinanti per quanto concerne il rischio di sviluppare la malattia. In base cambiamenti fibro-calcifiche della prostata alcuni studi condotti da Luria nel cambiamenti fibro-calcifiche della prostata conigli, gli eventi che seguono al contatto con MT sono stati suddivisi in 4 stadi. I monociti si differenziano, quindi, in macrofagi e prontamente fagocitano i micobatteri senza distruggerli, portando ad una condizione di simbiosi, in cui i bacilli si replicano con una crescita di tipo logaritmico e i macrofagi circolanti si accumulano nel polmone provocando minimi danni tissutali.

Il terzo stadio è caratterizzato dallo sviluppo della risposta dei linfociti T. A questo punto la crescita logaritmica dei bacilli tubercolari si arresta.

Quello fin qui descritto è il complesso primario di Ghon 5, ovvero un focolaio parenchimale, in genere di piccole dimensioni e localizzato più frequentemente nel lobo inferiore, accompagnato da una adenite satellite - a livello dei linfonodi interbronchiali, parailari e tracheobronchiali - con una linfangite intermedia. Al contrario, se lo stato immunitario del soggetto è compromesso per varie cause HIV, malnutrizione, età estreme, diabete, farmaci cambiamenti fibro-calcifiche della prostata, ecc.

Il paziente è allora cambiamenti fibro-calcifiche della prostata e contagioso7. Gruppi di macrofagi attivati si concentrano attorno a sorgenti di antigene, quali MT, e producono noduli di tessuto infiammatorio, denominati granulomi. In presenza di limitate concentrazioni antigeniche e di un elevato livello di immunità cellulare tissutale si sviluppano granulomi composti da linfociti, cellule epitelioidi e cellule di Langhans, mentre alla periferia si stratificano linfociti mantello parvicellulare e fibroblasti destinati a circoscrivere il processo con una capsula fibrosa.

Questi granulomi, denominati tubercolinon tendono alla necrosi caseosasono considerati di tipo proliferativo o produttivo e sono segno di un efficace contenimento dell'infezione. In presenza di livelli elevati sia di antigene che di ipersensibilità tissualele cellule giganti si presentano sparse o del tutto assenti. Macrofagi e polimorfonucleati si dispongono con modalità meno organizzate e si instaura un processo di necrosi caseosa come conseguenza del rilascio di enzimi litici da parte dei macrofagi in via di degenerazione.

Tali formazioni granulomatose sono tipiche delle forme cosiddette essudative o caseose. Nei pazienti immunodepressi, nei quali si realizzano concentrazioni antigeniche cambiamenti fibro-calcifiche della prostata e bassi livelli sia di ipersensibilità tissutale che di immunità cellulare, i rilievi istopatologici dimostrano soltanto un accumulo non specifico di polimorfonucleati e di monociti con un numero elevatissimo di bacilli acido-resistenti Nella forma polmonare distinguiamo due quadri clinici distinti: una TB primaria e una TB post-primaria.

Il quadro clinico è generalmente aspecifico, con febbre, astenia, malessere generale e, più raramente, eritema nodoso e cheratocongiuntivite. Caratteristica è la cuticonversione al test tubercolinico La TB post-primaria rappresenta la forma più frequente di malattia tubercolare ed è la conseguenza di una reinfezione endogena o esogena.

La lesione iniziale è generalmente localizzata ai segmenti apicali e posteriori del lobo superiore, con distribuzione asimmetrica, ed è caratterizzata da necrosi caseosa, cavitazione e fibrosi. Si tratta, comunque, di manifestazioni non precoci, molto graduali nell'esordio, sorprendentemente ben tollerate e spesso non riconosciute dal paziente.

La tosse è cambiamenti fibro-calcifiche della prostata produttiva, con escreato muco-purulento; emottisi ed emoftoe, dovute cambiamenti fibro-calcifiche della prostata erosione di vasi adiacenti alla caverna, sono meno frequenti di quanto si creda comunemente ma, se presenti, indicano una malattia piuttosto avanzata.

Il dolore toracico non è frequente ed è causato dall'estensione della flogosi alla pleura. Mentre una pleurite sierofibrinosa con versamento è spesso un evento precoce postprimario, il coinvolgimento pleurico nella TB cavitaria tende a causare sinechie tra pleura viscerale e parietale e versamento scarso o assente pleurite secca. Le alterazioni di laboratorio sono aspecifiche, ma si riscontrano comunemente leucocitosi Questo termine, che fu inizialmente utilizzato per descrivere la somiglianza delle lesioni macroscopiche ai semi di miglio, indica attualmente tutte le forme di TB progressiva ematogena disseminata, indipendentemente dal quadro patologico.

Cambiamenti fibro-calcifiche della prostata consiste in una vera e propria sepsi tubercolare a partenza da un focolaio colliquato che si apre in un vaso sanguigno o linfatico5. La vera TB miliare interessa la maggior parte degli organi, incluse le meningi, le membrane sierose e i linfonodi. Nei bambini la malattia è cambiamenti fibro-calcifiche della prostata acuta, grave, con febbre elevata intermittente, sudorazioni notturne e, nei due terzi dei pazienti, con versamento pleurico, peritonite e meningite.

La conta dei globuli bianchi è generalmente normale, anche se possono essere osservate leucopenie marcate, mentre una certa anemia è invece immancabile. La prognosi è spesso infausta sia per la gravità della malattia che per il ritardo di diagnosi, evento sfortunatamente frequente. Tutti gli organi possono essere colpiti ma, in ordine di frequenza, le sedi più interessate sono: i linfonodi, la pleura, il tratto genito-urinario, le ossa e le articolazioni, le meningi e il peritoneo.

Nella fase iniziale della malattia i linfonodi sono ben delimitati, mobili e di consistenza parenchimatosa, ma successivamente possono essere infiammati, con aree di rammollimento, e fondersi tra loro a formare dei pacchetti adesi ai piani sottostanti, fino a presentare dei tragitti fistolosi drenanti materiale caseoso ,5.

Sintomi sistemici sono spesso assenti. Il versamento è comunque generalmente minore di quanto si riscontri in altre pleuriti e quasi sempre unilaterale tranne quando è associato alla TB miliare. In circa la metà dei casi si ha un interessamento della colonna vertebrale, noto come morbo di Pottresponsabile di una spondilo-discite che coinvolge due o più corpi vertebrali adiacenti con la distruzione del relativo disco intervertebrale.

Cambiamenti fibro-calcifiche della prostata ordine di frequenza sono coinvolti i tratti toracico inferiore, lombare, cervicale e sacrale Nelle fasi avanzate della malattia il collasso dei corpi vertebrali colpiti determina la cifosi, caratteristica di questa forma, denominata gibbo. Le alterazioni di laboratorio sono aspecifiche. Due volte su tre la biopsia ossea rivela granulomi, ma il numero di bacilli è limitato e le colture risulteranno positive soltanto nella metà dei casi. Osteomieliti e localizzazioni articolari sono anche possibili ma di difficile diagnosi; caratteristica è la comparsa in seguito a trauma.

La localizzazione della malattia tubercolare a livello del Sistema Nervoso Centrale si manifesta più frequentemente con un quadro di meningite tubercolaregeneralmente causato dalla rottura di un tubercolo subependimale nello spazio subaracnoideo piuttosto che da una diffusione ematogena diretta Se misconosciuta, la meningite tubercolare è invariabilmente fatale1.

Manifestazioni meno frequenti nel paziente immunocompetente sono le lesioni occupanti spazio, cerebrali o spinali tubercolomi e le meningiti spinali aracnoiditi. Sono spesso presenti anche febbre, perdita di peso e sudorazioni notturne. La diagnosi è in genere occasionale, nel corso di procedure chirurgiche, accertata mediante esame cambiamenti fibro-calcifiche della prostata e colturale.

Il sospetto va posto in presenza di dolori addominali vaghi, febbre e ascite di modica entità e la paracentesi permette di prelevare un liquido essudatizio caratterizzato da leucocitosi e da un elevato contenuto proteico. Raramente nel liquido ascitico è possibile identificare MT, rendendosi quindi necessaria una biopsia peritoneale per confermare la diagnosi1.

Il coinvolgimento del tratto urinario sembra avere il suo punto di partenza a livello renale, con iniziali lesioni corticali che possono progredire fino alla necrosi papillare e dare stenosi ureterali Dominano il quadro i sintomi locali quali pollachiuria, disuria, cambiamenti fibro-calcifiche della prostata e dolore dorsale.

La presenza di calcificazioni parenchimali è particolarmente suggestiva. La malattia clinica è generalmente unilaterale, sebbene alterazioni microscopiche siano cambiamenti fibro-calcifiche della prostata sempre bilaterali. Monno L. In: Argomenti cambiamenti fibro-calcifiche della prostata malattie tropicali.

A cura di Scotto G. World Health Organization. Summary of Global Tuberculosis Control. Surveillance of tuberculosis in Europe. Draft report on tuberculosis cases notified in Country profiles. In: Moroni M. Malattie infettive. Milano: Masson. Kenneth Todar University of Wisconsin-Madison.

Department of Bacteriology. Smith Cambiamenti fibro-calcifiche della prostata. Mycobacterium tuberculosis pathogenesis and molecular determinants of virulence. Ottenhoff, J. Innate immunity to Mycobacterium cambiamenti fibro-calcifiche della prostata. An essential role for interferon gamma in resistance to Mycobacterium tuberculosis infection. J Cambiamenti fibro-calcifiche della prostata Med ;— Immunologia cellulare e molecolare. Padova: Piccin Nuova Libraria. Angarano G. Clinica e terapia della tubercolosi.

In: Cassone A. Tubercolosi: Epidemiologia diagnosi e terapia. Genova: Accademia Nazionale di Medicina. Cambiamenti fibro-calcifiche della prostata disturbo più comune è la infertilità mentre i sintomi, quando presenti, sono generalmente locali e consistono in dolore pelvico e anormalità mestruali.

I sintomi sistemici sono rari e l'evidenza di una precedente tubercolosi non è necessariamente presente Molto importante è la corretta e tempestiva diagnosi di TB. In linea generale la cambiamenti fibro-calcifiche della prostata di TB si fonda su tre criteri fondamentali: radiologico, batteriologico e immunologico5. Spesso il sospetto iniziale di TB polmonare nasce cambiamenti fibro-calcifiche della prostata un reperto radiografico anormale in un paziente con sintomatologia respiratoria.

Il quadro classico è rappresentato da un infiltrato cambiamenti fibro-calcifiche della prostata nelle zone apicali o sottoapicali posteriori del lobo superiore o nel segmento cambiamenti fibro-calcifiche della prostata del lobo inferiore, ma in realtà è possibile rilevare qualsiasi aspetto radiografico2, Si possono osservare le caverne tubercolari, più evidenti alla Tomografia Assiale Computerizzata TAC e alla Risonanza Magnetica Nucleare RMcaratterizzate da margini irregolari e meno distinti rispetto al granuloma, che è piccolo e nodulare2.

Comunemente la ricerca viene effettuata su tre campioni di espettorato raccolti in tre giorni consecutivi, preferibilmente al mattino, ma altri materiali biologici possono essere analizzati, come urine, broncoaspirato, succo gastrico, liquor, biopsie linfonodali, ecc. Dal momento che MT e la maggior parte delle specie di micobatteri sono a crescita lenta, possono essere necessarie settimane prima di poter osservare lo sviluppo di colonie.

Inconvenienti di questa tecnica sono, inoltre, la possibilità di errori nella somministrazione, la necessità di due contatti con il paziente — uno cambiamenti fibro-calcifiche della prostata la somministrazione del PPD e il secondo, a distanza di ore, per la lettura del test - la soggettività della lettura e la ridotta efficacia diagnostica in pazienti immunocompromessi, che spesso si presentano anergici.