Il trattamento del cancro della prostata con iodio 125

Buonasera Dottore - Tumore alla prostata: Una nuova cura

Massaggio prostatico a San Pietroburgo

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile. Abbiamo linee guida rigorose in materia di il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico.

Nota che i numeri tra parentesi [1], [2], ecc. Sono link cliccabili per questi studi. La prima opzione prevede l'uso di una biopsia di aspirazione con ago sottile. È condotto sotto controllo ecografico e consente di diagnosticare il cancro.

Tutti i nodi che verranno identificati durante questa procedura dovrebbero essere perforato. Ma questo vale solo per il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 nodi il cui diametro supera 1 cm.

Senza eseguire la biopsia con ago sottile, è impossibile un'ulteriore pianificazione competente del trattamento del paziente. Il secondo principio è la rimozione completa della ghiandola tiroidea. La scoperta di un cancro alla tiroide in una biopsia comporta inevitabilmente un trattamento chirurgico.

Dopotutto, in questo modo è possibile ottenere non solo efficienza, ma anche escludere ricadute in futuro. Il terzo principio implica l'uso del trattamento combinato. Ma include anche un'operazione con l'ulteriore utilizzo di iodio radioattivo come terapia. Lo scopo di questo metodo è quello di distruggere il tessuto tumorale e i resti di tessuto tiroideo normale nel corpo del paziente.

Il trattamento combinato consente diverse volte di ridurre la probabilità di recidiva. Il quarto principio è un attento monitoraggio dei pazienti.

Ed è prodotto per molto tempo. Tutte queste tecniche possono efficacemente il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 il cancro alla tiroide. Il trattamento del carcinoma papillare della tiroide, che rappresenta otto su dieci diagnosi oncologiche, e il trattamento del cancro follicolare viene effettuato in due fasi. Innanzitutto, viene eseguita un'operazione per rimuovere la ghiandola tiroidea. Gli esperti hanno notato che tutti gli altri chirurgico procedura - rimozione di un lobo della prostata emitiroidectomiaresezione subtotale non parte della seconda frazione è rimosso ghiandola mondatura enucleazione formazione patologica - è in questo caso un errore.

Operazioni simili, come il trattamento del cancro della tiroide con l'aiuto di radiazioni ionizzanti o chemioterapia, non sono giustificate. Inoltre, nella maggior parte dei casi, per ridurre la probabilità di recidiva di cancro e metastasi - cioè, estendere gli effetti positivi del trattamento - oncologi e ricorso alla rimozione dei linfonodi dissezione linfonodale con i tessuti il trattamento del cancro della prostata con iodio 125.

Ad esempio, se i linfonodi cervicali localizzati nell'area del fascio neurovascolare sono ipertrofizzati, una parte del tessuto del collo viene resecata dal lato dove si trovava il tumore. E tale operazione combinata è chiamata la rimozione simultanea della focalizzazione primaria e delle zone di metastasi regionali.

Dopo la rimozione della ghiandola e dei linfonodi, il trattamento del carcinoma papillare della tiroide entra nel secondo stadio, quando si usa la terapia con iodio radioattivo. Il paziente prende dentro la capsula di gelatina con l'isotopo radioattivo iodio, che penetra solo nelle cellule della ghiandola tiroide che ricevono questo alogeno e causa la loro morte effetto di ablazione sotto l'azione della radiazione selettiva mirata. Pertanto, il trattamento del cancro della tiroide con iodio radioattivo riduce il numero di recidive e aumenta le probabilità di sopravvivenza dei pazienti con cancro con metastasi.

Altre cellule non ne soffrono, anche se le osservazioni a lungo termine dei pazienti dopo tale trattamento mostrano la possibilità di complicazioni sotto forma di leucemia, cancro delle ghiandole salivari, vescica o ghiandole mammarie. In entrambi i casi, viene prescritto un ciclo ripetuto di terapia con radioiodio con un aumento della dose dell'isotopo radioattivo di iodio. Oltre alla terapia con radioiodio, altri metodi di trattamento sono usati per il cancro papillare e follicolare, in particolare la radioterapia a distanza.

Quando il tumore germoglia nella trachea e tocca il muscolo innervatorio della laringe il nervo ricorrente, è considerato inoperabile ed è irradiato. Tuttavia, come affermano gli oncologi, l'efficacia della radioterapia tradizionale in forme differenziate di cancro della tiroide è la metà del livello di trattamento con iodio radioattivo.

Tra l'altro, in tutte le cliniche in Germania, in conformità con le linee guida della Cancer Society tedesca German Cancer Societyil trattamento del cancro della tiroide papillare e follicolare viene effettuata utilizzando una procedura standard di funzionamento SOP - l'introduzione di un isotopo radioattivo di pazienti iodio.

Ma dall'uso di radiazioni e chemioterapia per questa patologia oncologica in Germania sono stati a lungo abbandonati. Ad oggi, in tutti i casi operabili, il trattamento del carcinoma midollare della tiroide fornisce la tiroidectomia totale con l'asportazione di tutti i linfonodi vicini e dei tessuti circostanti.

Questo intervento radicale è associato con il fatto che il carcinoma midollare spesso avente un'eziologia geneticamente determinata si sta sviluppando rapidamente e metastatizza in tutto il corpo: nella struttura del sistema linfatico, i muscoli e le ossa, i polmoni e il tessuto degli organi viscerali.

Va tenuto presente che nel carcinoma midollare non viene utilizzato il metodo della terapia con radioiodio, poiché le cellule tumorali di questa varietà sono immuni allo iodio radioattivo.

Sebbene questo metodo possa essere usato per atrofizzare le cellule rimanenti dopo l'operazione della ghiandola tiroidea. Trattamento chemioterapico del carcinoma midollare della tiroide utilizzato per stadio IV operabile, con il rapido aumento di tumori e anche nel caso di metastasi a distanza. In più chemioterapia viene effettuata mediante iniezione endovenosa o intramuscolare di farmaci il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 antibiotici antitumorali doxorubicina adriblastin, Keliks, Sindroksotsin o bleomicina Blanoksan e contenenti citostatici platino cisplatino et al.

Tecnica medica di trattamento del cancro della tiroide, in particolare cancro midollare comprendono mirati farmaci mirati che influenzano il processo di crescita delle cellule tumorali.

Tali medicamenti riferisce Vandetanib Kaprelsa e Votrient pazopanib che si legano al recettore tirosina chinasi RTK e le cellule il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 inibiscono il fattore di crescita epidermico EGFR. Di conseguenza, queste cellule arrestano il metabolismo e perdono la capacità di proliferare. Una compressa del il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 viene assunta una volta al giorno.

La dose giornaliera minima è di mg, il massimo - mg. Tra l'azione avverso di questi farmaci ha segnato dolori addominali, nausea, perdita di appetito, diarrea, eruzioni cutanee, la pressione sanguigna, disturbi del ritmo cardiaco, mal di testa e affaticamento. La terapia soppressiva alla tiroide è uno dei principali metodi di terapia dopo tiroidectomia radicale. È usato per ridurre la il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 di TSH sierico, a questo scopo viene prescritta la somministrazione di ormoni tiroidei.

Le cellule maligne che il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 dall'epitelio follicolare della ghiandola possiedono i recettori del TSH, quindi in risposta alla loro stimolazione aumenta l'attività dell'adenilato ciclasi. Con carcinoma papillare e follicolare, la frequenza delle recidive è ridotta a causa della terapia soppressiva.

Gli effetti collaterali di alte dosi di ormoni tiroidei possono causare lo sviluppo di osteoporosi, violazione della contrattilità miocardica, aumento della frequenza cardiaca, aritmie atriali. Pertanto, l'applicazione di questa tecnica è un modo molto efficace per sbarazzarsi del problema. Il cancro della tiroide cede egregiamente a tale terapia.

È importante iniziare il trattamento in tempo e sotto la supervisione del medico curante. In questo caso, l'efficienza aumenta molte volte. I farmaci per il cancro soppressivo alla tiroide sono selezionati esclusivamente dal medico curante. La somatulina è anche ampiamente usata. Ti permette di combattere contro i tumori maligni. Informazioni sul dosaggio devono essere fornite dal medico curante.

Tutto è fatto su base individuale. Bleomycin Sulfate è usato per eliminare vari tipi di cancro. Nella nomina di questo farmaco, vengono presi in considerazione una serie di fattori chiave, tra cui lo stadio il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 malattia, il decorso e le caratteristiche dell'organismo.

Le informazioni riguardanti il dosaggio sono fornite esclusivamente dal medico responsabile. I farmaci per la terapia soppressiva sono ormoni ordinari, che dovrebbero essere presi con estrema cautela. In questo caso, il cancro alla tiroide si ritirerà. La terapia con radioiodio del cancro della tiroide è ampiamente utilizzata oggi. È particolarmente efficace per il cancro papillare e follicolare.

Questa terapia si basa sulla concentrazione selettiva e sulla ritenzione prolungata di iodio da parte del tessuto tumorale. A causa di questo effetto, la maggior parte della dose di iodio radioattivo viene consegnata alle cellule maligne, con danni minimi al tessuto circostante. Il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 carcinoma midollare e anaplastico, la tecnica non viene utilizzata, in quanto, in questo caso, le cellule tumorali non possono essere trattate con iodio radioattivo.

Lo iodio radioattivo deve essere assunto in capsule o come preparazione liquida. In alcuni casi, viene il trattamento del cancro della prostata con iodio 125 una terapia endovenosa.

La sostanza attraverso il flusso sanguigno principale penetra nel sangue e si diffonde in tutto il corpo. Naturalmente si accumula esclusivamente nelle cellule della tiroide. Effettuando tale terapia dovrebbe includere la presenza obbligatoria di una persona in un ospedale. Lo iodio radioattivo viene escreto per 3 settimane. Per proteggere la vescica dagli effetti negativi dello iodio, viene prelevata una grande quantità di liquido. Questa terapia eliminerà il cancro alla tiroide.

Soprattutto nei tumori che non possono essere eliminati con il trattamento con iodio radioattivo. Ampiamente usato nel tumore secondario o nelle metastasi. L'uso combinato in combinazione con chirurgia, terapia ormonale o chemioterapia non è escluso. In generale, la radiazione viene diretta verso il collo o altre aree interessate. La procedura è obbligatoria in regime ambulatoriale o stazionario 5 giorni alla settimana. Il corso del trattamento dura diverse settimane. La pelle nell'area di trattamento diventa infiammata, asciutta.

C'è una costante sensazione di stanchezza, specialmente nelle ultime settimane di completamento dell'intero corso del trattamento. Gli effetti collaterali spesso scompaiono subito dopo la fine del percorso.

Tale terapia è molto efficace e rimuove in modo eccellente il cancro alla tiroide. La chemioterapia per il cancro della tiroide è spesso utilizzata nella forma anaplastica della malattia. In alcuni casi, il metodo viene utilizzato per trattare una riduzione dei sintomi dei tumori midollari o per il trattamento palliativo di un comune processo tumorale in stadio avanzato.

Tutti i farmaci prescritti sono somministrati per via endovenosa. Quando entrano nel flusso sanguigno, influenzano le cellule tumorali in tutto il corpo. Il trattamento, quindi, deve essere eseguito in ospedale o in ambulatorio. In questo caso, molto dipende dallo stadio della malattia. Come risultato della chemioterapia trasferita, si possono osservare effetti collaterali.

Fondamentalmente, dipendono dal dosaggio assunto e dal farmaco che è stato usato. Ci possono essere nausea, vomito, ulcere in bocca, perdita di peso e capelli.