Che si può mangiare e bere dopo il cancro alla prostata

Cosa mangiare senza la colecisti ?

Iperplasia prostatica benigna negli uomini

Se si è stati colpiti da un tumore, invece, è necessario apportare alcune modifiche per mantenere forza ed energia, in modo da gestire gli effetti collaterali della terapia. Queste attenzioni si rendono necessarie in quanto il paziente colpito da tumore molto spesso tende a perdere rapidamente peso, in quanto:. Per tutte queste ragioni è quindi necessario adattare il regime alimentare al singolo caso, valutando anche le abitudini alimentari numero di pasti, orari, distribuzione delle calorie, … per adeguarle alle necessità in continua evoluzione del paziente.

Le terapie antitumorali possono provocare effetti collaterali e quindi problemi nutrizionali perché, oltre ad uccidere le cellule tumorali, possono anche danneggiare le cellule sane, provocando di conseguenza effetti indesiderati più o meno gravi, in grado di causare problemi nutrizionali. Molti pazienti soffrono di inappetenza o nauseaanche perché il tumore e la terapia sono situazioni stressantima chi manifesta questi effetti indesiderati quasi sempre si troverà meglio una volta iniziata la terapia e dopo aver compreso che cosa sta per accadere.

Tra i problemi nutrizionali che si verificano con maggior frequenza durante la terapia antitumorale ricordiamo:. Potreste soffrire soltanto di alcuni effetti collaterali, oppure potreste non averne affatto. In parte, dipenderà. Durante la terapia antitumorale esistono molti farmaci e altri approcci utili per gestire i problemi nutrizionali.

Fate un elenco di domande da rivolgere al dietologo durante la visita, chiedetegli se i vostri alimenti e che si può mangiare e bere dopo il cancro alla prostata vostre ricette preferite sono compatibili con la terapia antitumorale. Vi consigliamo di informarvi su come gli altri pazienti riescono a gestire i loro problemi di salute. Ecco alcuni modi per gestirli:. Alcune terapie antitumorali aumenteranno la probabilità di contrarre infezioni: se vi trovate ad affrontare una situazione del genere, dovrete che si può mangiare e bere dopo il cancro alla prostata particolarmente attenzione a come maneggiate e preparate gli alimenti.

Ecco alcuni consigli:. Allo stato attuale, purtroppo, non esistono ricerche che dimostrino che una certa dieta, un certo alimento, una certa vitamina, un certo minerale, integratore, prodotto erboristico o una certa combinazione di questi prodotti sia in grado di rallentare il decorso del tumore, di curarlo o di impedire le recidive. In realtà alcuni di questi prodotti possono anche causare altri problemi, perché influiscono sul funzionamento della terapia antitumorale.

Prima di seguire una dieta speciale o di assumere un qualsiasi integratore chiedete consiglio al medico o al dietologo. Per evitare problemi, è opportuno seguire sempre i loro consigli. Si parla di perdita di appetito o inappetenza quando non si vuole mangiare, oppure che si può mangiare e bere dopo il cancro alla prostata ci si sente in grado di farlo: è un problema frequente che si presenta come possibile conseguenza…. Alcuni tipi di chemioterapia possono causare nausea, vomito, entrambi i disturbi.

Si soffre di costipazione quando si va di corpo con meno frequenza e le feci diventano dure, secche e difficili da espellere. Salve, mia madre presenta tumori in diverse aree del corpo carcinomanon riesce praticamente più a masticare dato che il tumore al cervello è arrivato fino alla mandibola risultando addirittura esposto e provocando lo spostamento della stessa mandibola. Di conseguenza mandibola e mascella non si chiudono come dovrebbero e la masticazione è del tutto compromessa.

Prende degli integratori e frutta centrifugata ma ciononostante continua a perdere peso è alta 1. Al momento mi viene in mente solo la frutta secca.

Un saluto a lei e a tutti coloro che vivono quotidianamente questa situazione…Ricordatevi che essere positivi è già un grande aiuto. Ne parli col medico curante, esistono procedure attivabili a domicilio. In bocca al lupo, le auguro una pronta guarigione. No, ma verifichi con il suo medico o con il suo farmacista alcune formulazioni di fermenti contengono anche altre sostanze. No, grazie Si, attiva. Ultima modifica Roberto Gindro laureato in Farmacia, PhD.

Articoli Correlati Chemioterapia e perdita di gusto ed appetito Si parla di perdita di appetito o inappetenza quando non si vuole mangiare, oppure non ci si sente in grado di farlo: è un problema frequente che si presenta come possibile conseguenza….

Nausea e vomito durante la chemioterapia: cosa che si può mangiare e bere dopo il cancro alla prostata Diarrea e stitichezza durante la radioterapia Si soffre di costipazione quando si va di corpo con meno frequenza e le feci diventano dure, secche e difficili da espellere. Domande e risposte. Altre domande. Vuoi abilitare le notifiche?